mercoledì 7 novembre 2012

torta salata speck e trevisana

tessuti green gate

eccomi qua con una ricetta un pò insolita per il mio blogghino: infatti è abbastanza tradizionale (leggi trita e ritrita) e di solito sono abbinamenti che mi annoiano un pochino nella preparazione perchè già so che sapore mi ritroverò in bocca non c'è spazio per immaginare ed inventare.
ma una volta tanto facciamo contento anche il papi, paziente assistente alla lavastoviglie della pasticciona in cucina, che mi prende in giro dicendo che lui va volentieri al ristorante per poter mangiare qualcosa di normale.
e anche queste son soddisfazioni!!!!
a proposito di prese in giro, volete sentire la massima coniata dal papi?
"dietro ad una grande foodblogger sta un grande filippino" (che sarebbe lui!)
ma ha ragione, alle volte al sabato lascio la cucina devastata e dico "ci pensi tu che io faccio le foto?"
simpatica burlona!!!!
poi in questi giorni la nana assorbe tutte le mie energie (sono tre notti che di dormire quasi non se ne parla) e il mio tempo: coloriamo little pony, facciamo puzzle dei barbapapà, giochiamo alla wii, a carte, a domino, a memory e pasticciamo al pc......
visto che ce l'ho in braccio vi lascio un suo contributo:

cfgres
vvvvvvvvviola
fertuy

e dice "ho scritto quello che mi  serve".
cosa sia e a cosa serva non ci è dato sapere.
almeno si è firmata, non lascia commenti anonimi e vigliacchi!

quindi il tempo e le forze son quel che sono, accontentatevi di una torta salata che resta comunque un evergreen.

per una torta diam. 22 cm  circa

1 rotolo sfoglia rotondo
1 cespo trevisana
250 gr ricotta
120 gr speck tagliato sottile
latte
olio extra vergine di oliva biologico

mondare e lavare la trevisana e tagliarla sottile.
farla stufare qualche minuto in una padella con un cucchiaio di olio extra vergine.
mescolarla alla ricotta.
foderare una teglia con la sfoglia mantenendo la sua cartaforno e bucherellare il fondo con una forchetta.
ricoprire il fondo con delle fette di speck


spalmare il composto di ricotta e trevisana e finire con un altro strato di speck.


infornare a 180° circa in forno statico, per 15/20 minuti.
servire calda.
un classico, ma che piace sempre!



vi saluto con un'altro dipinto di raffaella, e le foto di angoli di casa sua, dove ai giochi dei suoi bambini si alternano aghi da cucito, pennelli, e tanto amore!






non so voi, ma io resto incantata da queste immagini, rendono una casa quasi magica ai miei occhi,  e rimango affascinata da quel che una donna riesce a creare, una volta posati macchina da cucire, stracci della polvere, pentole e padelle....

16 commenti:

  1. ma vuoi mettere la delizia di un aperitivo gustato con una torta del genere? Un bel bicchiere di vino e il gioco è fatto. bravissima.

    RispondiElimina
  2. ho appena finito di cenare e mi torna fame se pubblichi codeste squisitezze! ;)
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. io sono affezionata ai gusti che conosco e che mi aspetto anche se mi piace azzardare...non sempre con 2 bimbi piccoli è possibile:-)
    PS il mio grande ha 3 anni ma ci tiene come la tua bimba al suo nome sui suoi "elaborati"^_^

    RispondiElimina
  4. Classica ma sempre buona. Mi hai fatto venire in mente che è da un po' che non la faccio.

    RispondiElimina
  5. Ciao! accipicchia che buona questa torta! indubbiamente la ricotta la rende molto cremosa e lo speck a chiuderla gli dà la croccantezza-morbidezza!
    baci baci

    RispondiElimina
  6. Per quanto trite e ritrite ognuno ci mette qualcosa di diverso!
    E poi un maritino così collaborativo bisogna accontentarlo ;)
    Baci

    RispondiElimina
  7. ha!!!ha!!!il filippino!mio marito mi dice sempre il contrario,quando torna a casa mi chiede cose mooolto semplici dato che e' obbligato a mangiare nei ristoranti 26 giorni al mese....
    comunque la tua torta salata e' da 10 e lode altro che!!!^^

    RispondiElimina
  8. Ahahaha Monica, tuo marito è troppo forte! Pure io però ho il filippino sai? E sa pure il fatto suo ;-) Troppo buona la tua ricetta normale!!! Bacionissimi!

    RispondiElimina
  9. beh, io per questi sapori...vado letteralmente pazza!
    P.s: non guardarmi troppo che ti viene un coccolone, e non mi sembra il caso, visto il periodo....bacio!

    RispondiElimina
  10. Ecco, mi hai dato un'idea: io il mio assaggiatore provetto lo lascio sempre lì in attesa davanti al piatto fumante mentre io faccio qualche rapido scatto...d'ora in poi lo distrarrò chiedendogli di iniziare a sistemare la cucina, in attesa di assaporare l'ultimo mio pasticcio! ;o)
    Sarà anche tradizionale come abbinamento, ma è sempre gustoso e la tua torta salata sembra davvero squisita!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  11. Meno male che tu hai un "filippino papi" che ti aiuta.... il mio mi dice "è esplosa una bomba e non me ne sono accorto?". Beh a me le cose "normali" piacciono mi danno sempre soddisfazione e mi confortano.
    Bello il contributo della tua bimba stupenda....
    buona giornata cara

    RispondiElimina
  12. Che delizia! Adoro i tortini, e questo lo proverò senz'altro. E' bravissima la tua amica: dipinti bellissimi

    RispondiElimina
  13. Anche il mio papy è un filippino per fortuna :-)))) Una torta molto saporita e diversa e che belle le immagini che hai messo della casa della tua amica pittrice, la quotidianità straordinaria... Un bacione Ely

    RispondiElimina
  14. Sai che ti dico? Me la preparo per merenda questo week end!
    Ciao!!!

    RispondiElimina
  15. ahahaha anche mio marito mi diceva che avrebbe voluto mangiare qualcosa di "normale" ... accontentato... non sto facendo più un tubazzo ahahahahaha :) torta salata strastrabuona :)

    RispondiElimina

sarò felice di trovare qui i vostri consigli, i pensieri e le opinioni. vi aspetto!!!!