martedì 16 maggio 2017

paccheri alla crema di zola di capra e fave di cacao tostate


la prossima volta che mi lamento del tempo che non è mai abbastanza prendetemi a sprangate sui denti.
eccerto, perchè se poi vogliamo metterci a fare il pane, e poi pure la pasta, e a prenderci un impegno (di cui vi parlerò sotto) che richiede non poco tempo e non poco amore e poi ci mettiamo qui a menare il torrone che non ho tempo no eh, abbi almeno il buon gusto di tenere la bocca chiusa.
quindi poche balle, passiamo subito ad una ricetta semplicissima che si trasforma grazie all'aggiunta di un solo tocco di carattere: le fave di cacao tostate in granella!!!!


strepitosa novità fra i prodotti melandri, trovate tutto qui, per informazioni e acquisto online.
io sono pazza per questi prodotti, soprattutto dei semi di chia, di canapa e queste fave di cacao meravigliose che piazzerò al più presto in qualcuno dei miei pasticci.
poi voglio provare una'altra cosa nuova... ma per questo bisogna avere ancora un pochino di pazienza.... fra una pasta fatta in casa, una partita a scarabeo e un cambio di lettiera troverò anche il tempo per la mia cucina.

per 3 persone

250 gr paccheri trafilati al bronzo
100 gr zola di capra
120 gr panna da cucina leggera
latte
fave di cacao bio tostate melandri gaudenzio



mettere sul fuoco l'acqua ed aggiungere sale al bollore.
versare i paccheri.
nel frattempo preparare la crema mettendo in una padella antiaderente molto capiente pezzi di zola di capra e panna da cucina.
far sciogliere a fuoco lento.
aggiungere qualche cucchiaio di latte per rendere la crema un pò meno densa.
scolare la pasta un minuto prima del tempo e saltarla nella padella con la crema, sempre a fuoco molto basso per non farla addensare troppo.
servire con abbondanti fave di cacao.



so che qualcuno rabbrividirà, lo vivo sulla mia pelle ogni volta che parlo della mia cucina a contrasti.
o sia ama o si odia, non c'è via di mezzo.
io la adoro, da brava pasticciona, e inizia ad apprezzarla anche il mio omino della rumenta.
questo abbinamento per noi è speciale, il contrasto fra il sapore deciso dello zola di capra unito al dolce (ma non troppo) di questa fave croccantine (un pò come il cioccolato fondente diciamo) ci hanno portato in un viaggio di sapore che consiglio a chiunque abbia voglia di qualcosa di diverso, di stupire gli ospiti senza alcuna fatica, di coccolarsi con qualcosa di davvero sfizioso alla fine di una giornata magari un pò storta.


e adesso è giunto il momento dell'altra sorpresa.
and now, ladies and gentlemen, I am proud to introduce you.... TINA LA TRIPODINA!!!


no, no, non è il nostro terzo gatto.
purtroppo.
non lei almeno.
abbiamo promesso alla signora del gattile che ce l'ha data in stallo che l'avremmo riportata....quanto mai.... ma le promesse si mantengono, altrimenti si evita di farle.
ci siamo trovati qui grazie al mio desiderio di dare una mano ai randagini senza famiglia, assecondato dai miei amori che ben conoscono il mio debole per cani e gatti.
l'impegno di prendere delle ore, che fossero sempre le stesse, per far volontariato in un canile/gattile era un pò gravoso per me, che mi lascio portare dalla corrente e dipendo comunque da una piccola famiglia che conta su di me 24 ore al giorno.
allora ho pensato di dare la disponibilità per ospitare in stallo bestioline bisognose.
la signora che ci ha dato in adozione motorino e mia ha accettato la mia proposta e questa è la prima di una serie lunga non so quanto di ragnetti che popoleranno la stanza libera della nostra casa fino ad arrivare ad essere abbastanza grandi per tornare al gattile in attesa di una famiglia come si deve.
certo è una fatica, non tanto fisica quando emotiva, per me che mi innamoro alla prima annusata, dopo un solo minuto di pastrugnamento... averla qui tutti i giorni tutto il giorno, scaldarle la cuccia prima di metterla a nanna, lavarle il muso dopo che si è tuffata nella pappa che sta appena iniziando a mangiare da sola,

ecco, per dire.....
farsi cullare dalle fusa e prendere le zuccatine sul mento e dire poi "è stato bello, arrivederci e grazie" non sarà facile....
va bè dai, piangerò un pò e poi tornerò a casa a farmi coccolare dai miei amori a due e quattro zampe in attesa del prossimo trovatello.
alla prossima, puuuuurrrrrrrr......


giovedì 11 maggio 2017

pasta fresca di semola all'uovo ed estratto di melissa


buongiorno e buon giovedi di novembre.
ecco, sto tempo non è che ti faccia venire voglia di fare chissà che, l'umore già non è dei migliori perchè ci sono stati periodi più belli.....
allora pensiamo ad una terapia.....
letto, candela, gatti spalmati addosso, fra coccole e fusa?
copertina, tisana zenzero e limone e un signor romanzo che ti faccia volare le ore e dimenticare il cielo nuvoloso?
divano,gelato con cucchiaio da minestra, telecomando e film stracciamaroni che mi piacciono tanto ma non ho mai tempo di vederli?
no... oggi mi coccolo così: tiriamo fuori l'accessorio comprato nel 2012 perchè non potevo vivere senza e mai usato, e mani in pasta con la mia amica nonchè socia della mia associazione a delinquere. mentre fuori piove e le gocce picchiettano allegre sui vetri chiudiamo i gatti fuori dalla cucina e imbrattiamo tutto, come due bambine di 4 anni che giocano con la farina di nascosto dalla mamma.
e questo è il risultato.

per 5 persone

200 gr farina di semola rimacinata
250 ml estratto di melissa
2 tuorli

prima cosa bisogna liberarsi dall'infestazione di melissa che ci invade le fioriere (e se non l'avete meglio per voi, fate l'estratto di basilico che è una pianta più gestibile) tagliando tutto (tanto basta distrarsi un attimo e si riempie un'altra volta) e tenendo solo le foglie più belle.
lavarle ed asciugarle molto delicatamente e procedere all'estrazione del succo (va bene anche la centrifuga).
ce ne vuole veramente tanta... o altrimenti allungate leggermente con l'acqua ma ovviamente il sapore perderà intensità.
non pensiate che io mi metta ad impastare a mano che ho l'ernia che già rabbrividisce solo all'idea....
quindi mi faccio accompagnare dal mio aiutante in cucina e in men che non si dica la pasta fatta in casa, con ingredienti bio controllati e con tanto amore, è pronta in men che non si dica.
montare la foglia, mettere nella planetaria la farina e le uova ed iniziare a lavorare a bassa velocità.
versare poco alla volta l'estratto e continuare a lavorare fino ad ottenere un impasto non compatto, un pò a briciolone... così insomma....


una volta pronto montate l'arnese per la pasta corta e compattate con le mani piccole quantità di impasto da inserire nell'apposito foro e procedere come di consueto.
(se avete la macchina per la pasta poi meglio perchè è ancora più semplice)
una volta uscita la pasta tagliare della lunghezza desiderata e adagiare su di un panno pulito o fogli di scottex spolverando leggermente di semola per non farla appiccicare.


et voilà!
cuocere subito o mantenere, sempre spolverata di semola e coperta da un panno, in un luogo umido (tipo il forno chiuso o il frigo), ma solo per poche ore.
poi consumare.
ottima anche con semplice olio extra vergine e parmigiano, darò presto una variante altrettanto semplice ma molto più sfiziosa.
a noi 5 è piaciuta molto, e anche se fosse venuta male l'aver passato una mattinata felice sarebbe stata comunque una terapia più che efficace per contrastare la tristezza del freddo e del brutto tempo.
ci vediamo alla prossima, che vi faccio vedere come l'abbiamo mangiata!
ciaoooooooooooooo!!!!


mercoledì 3 maggio 2017

zucchine al bergamotto e menta con semi di canapa


allora, ci mettiamo un pò in riga una volta per tutte o no???
no! la risposta è no.
non ce la faccio, cerco di mangiare sano ma non toglietemi gli oreo mentre leggo nel lettone, l'hagen dazs davanti alla tv o le patatine mentre giochiamo a scarabeo....
risultato: gli anni avanzano e le curve si ammorbidiscono.
e va bè, ce ne faremo una ragione e ci puliremo la coscienza ubriacandoci di aloe, frantumandoci con esercizi di pilates e scofanandoci vagonate di verdure.
oggi vi propongo questa idea molto semplice che rende goloso un piatto un pochino da ospedale: basta aggiungere un paio di ingredienti sfiziosi e le zucchine tornano a sorridere con pochissime calorie.

per 4 persone

7 zucchine
1 cipolla di tropea grande
4/5 cucchiai olio extra vergine di oliva al bergamotto marina colonna
4 foglie menta fresca
sale
semi di canapa decorticati melandri gaudenzio

mondare le cipolle e tagliarle sottili.
far appassire in una padella antiaderente capiente insieme all'olio.
lavare le zucchine, tagliarle a rondelle e aggiungerle alla cipolla.

padella antiaderente, spatola e presina le creuset
cuocere per una ventina di minuti aggiungendo qualche cucchiaio di acqua o brodo vegetale.
quando sono ben morbide aggiungere la menta spezzata con le dita, mescolare, lasciar riposare e servire con abbondanti semi di canapa.



se volete un aroma di bergamotto più intenso, condire alla fine con un filo di olio aromatizzato a crudo.
ottimo anche a temperatura ambiente, ricco di sapori freschi e sani, per un contorno leggero e gustoso.


vi lascio, il tempo è sempre meno, il periodo non è dei migliori e nonostante questa raffica di compleanno, onomastici ecc...ci sono cose che spengono un pò l'umore e la voglia di far festa....
ma abbiamo grandi ricchezze che ci aiutano a vivere lo stesso delle buone giornate.... l'Amore con la A maiuscola, l'Amicizia vera, un abbraccio stretto stretto, il sorriso di una bambina, un dono inaspettato, un biglietto scritto col cuore, lo struscio di un gatto, la pioggia che batte sui vetri mentre leggiamo un bel libro, il profumo dei biscotti che stanno cuocendo nel forno.....
la vita è bella. sempre e comunque.
a presto!!!!