domenica 28 luglio 2013

tartine al latte


ce l'ho fatta: sono sopravvissuta al forno che ha partorito tutte queste tartine, i salatini e la torta per i grandi, sopravvissuta al rumore e le chiacchiere e le urla e le corse degli invitati invasati, sopravvissuta anche alla pulizia della casa che dopo un pomeriggio di bambini e di pan di stelle sbriciolato e calpestato sul pavimento (che mi ha ricordato tanto il prato di san siro dopo il concerto di vasco rossi!), sopravvissuta all'eccitazione di mia figlia che si è scaricata (ma si è scaricata??!?) solo il giorno dopo la festa, sono qui a godere del ricordo di questi momenti e a pensare che per un sorriso di un bambino qualsiasi cosa vale la pena di essere fatta.
senza esitazione, senza pentimento.

per circa tre dozzine di tartine piccole

250 gr manitoba
160 farina 00 antigrumi
40 gr zucchero
1 cucchiaino scarso sale
1 uovo + 1 sbattuto per apennellare
60 gr burro di panna fresca beppino occelli
200/250 ml latte parzialmente scremato tiepido
12 gr lievito fresco


nella planetaria mettere le farine, il sale, lo zucchero e il burro e mescolare con il gancio.
successivamente aggiungere poco alla volta il latte tiepido nel quale si è fatto sciogliere il lievito.
unire il burro tagliato a cubetti e l'uovo ed impastare fino a che il composto non risolta omogeneo, incordato e molto appiccicoso.
lasciar lievitare nella bacinella, coperto da un panno, per qualche ora, in luogo tiepido.
con le mani ben infarinate togliere l'impasto e formare delle specie di salamotti, che andranno tagliati a pezzi piuttosto piccoli.


formare delle palline lisce con le mani.


spennellare con un uovo sbattuto con un pizzichino di sale e lasciar lievitare nel forno chiuso e spento fino a che non raddoppiano di volume.


infornare a 200° per 20/15 minuti a seconda del forno.
lasciar raffreddare bene prima di dividere le tartine che si sono unite in cottura.


la nanetta non le mangia, le divora, così.
in realtà nascono per gli antipasti, come perfetti finger food da imbottire come più vi piace (formaggi spalmabili, affettati, salse e verdure, io li ho fatti per il compleanno della pistoletta): io invece oggi ve li propongo come li avrebbe mangiati il mio papà, che mi ha passato, insieme ad un'infinità di altre cose belle (e a qualche difetto che porto orgogliosamente dentro di me) quelle che erano le sue merende da bambino.....

pane burro e zucchero

tazza e coltello in ceramica green gate

e pane burro e alici



poi quando il burro è di qualità eccelsa come il mio amato burro occelli, fatto artigianalmente con sola panna fresca, gustarlo crudo su di un pane tiepido e morbido, fatto con le proprie mani, è il massimo del piacere a tavola.
siete d'accordo????

vi accompagno al compleanno di mia figlia....

il mio bravo donnino che mi aiuta nei preparativi



e sceglie i regalini per i suoi invitati



per i bimbi solo pan di stelle.... son soddisfazioni!

i suoi biscotti preferiti, sables al fior di sale


il delirio, e sono mica tutti!

candelina con il 5 rotta ancora prima di uscire dalla confezione: mamma pasticciona!

il regalo tanto desiderato.....



ciao, buona settimana a tutti, e buone vacanze se ci andate!!




8 commenti:

  1. che meraviglia, vale la pena davvero! e cmq quelle tartine le divorerei anche io! a me tocca fra venti giorni...ancora auguri Viola!

    RispondiElimina
  2. Hai ragione, per i bambini questo e altro!!!
    Ricetta salvata!! Ciao ciao
    P.S. Sale e Pepe? Magari!!!

    RispondiElimina
  3. mamma mia...quanti ricordi passati...che bello però! Che emozioni....
    meno emozionante il pulire dopo, però... ;)
    Bacio!

    RispondiElimina
  4. Tesoro che bello! Te l'avevo detto che saresti stata bravissima ^_^
    Queste tartine poi.. golosissime in qualsiasi modo! Un bacione grande :*

    RispondiElimina
  5. Auguri alla tua piccola aiutante!

    RispondiElimina
  6. Ciao, dolcissima la tua bambina e splendida festa di compleanno...un BRAVA MAMMA non ti si nega di sicuro!
    Buonissime queste tortine al latte, non sappiamo se ci piaccia di più la versione farcita con burro e zucchero (come i panini che ci facevano anche le nostre nonne) o quella con le alici...sapori forti che amiamo davvero moltissimo!
    Ora goditi il meritato riposo!
    Un bacione

    RispondiElimina
  7. auguri (in ritardo :( ) alla tua piccola ed anche a te, mamma attenta e premurosa!
    Questi panini devono essere deliziosi, tant'è che tua figlia ne è innamorata ed è bella la colazione d'altri tempi (che veramente sono anche un po' i mei... quanto pane burro e zucchero, pane ed olio, ancora negli anni 60!).
    Un abbraccio :))







    RispondiElimina
  8. sono passata a curiosare... brave le mie amiche!
    solo maria grazia.... non ti trovo.....
    grazie di essere passate da me, e scusatemi se non riesco sempre a venire a salutarvi di persona....

    RispondiElimina

sarò felice di trovare qui i vostri consigli, i pensieri e le opinioni. vi aspetto!!!!