domenica 3 febbraio 2013

pagnotta di farro e riso: il pane caldo per una domenica serena


complice il mio amato kitchen aid e le specialità che ho ricevuto dalla ditta albergian (grazieeeee quante cose buone!!!!), mi sta venendo una fregola di pane che in qualche angolo della casa c'è sempre qualcosa che lievita: adesso per esempio c'è la pasta per la focaccia di stasera, con speck e taleggio!
mi riempie il cuore maneggiare l'impasto morbido e vellutato, tiepido sulla pelle, che appena inizia a dorare nel forno riempie le stanze di un delizioso profumo di pane e rende l'atmosfera di casa ancora più dolce e rilassante.
penso che diventerà un'abitudine: mi piace che il papi rientri la sera e aprendo la porta trovi ad andargli incontro due sorrisi e il profumo del pane appena sfornato.....
vi auguro una buona domenica, noi ci prepariamo, approfittiamo della giornata serena per fare una passeggiata (ma belli coperti che tira un vento!), andiamo a fare merenda in pasticceria e appena tramonta il sole ci rintaniamo al cinema a vedere un cartone animato.
che bella la vita!

300 gr farina di farro biologica
100 gr farina di riso biologica
9/10 gr sale
1/2 cubetto lievito fresco
1 pizzico zucchero
4 cucchiai olio di riso
1 bicchiere acqua calda

sciogliere il lievito in un bicchiere di acqua calda e lasciar riposare qualche minuto.
nella planetaria mettere le farine e versare l'acqua poca alla volta.
mentre si continua ad impastare con il gancio aggiungere il sale e lo zucchero, poi i cucchiai di olio a filo.
contiunare a velocità media fino a quando si forma una palla.
lavorare ancora un pò la pasta con le mani, formare una palla, incidere una grata con una lametta o con un coltello molto affilato e spolverare con pochissima farina, usando un colino a maglie fitte.


coprire con una panno di cotone ben pulito e lasciar lievitare anche 4/5 ore all'interno del forno con la lucina accesa.


infornare a 200/210° in forno statico per una ventina di minuti.
fare la prova battendo le nocche sotto la pagnotta: se è cotta suona vuota.
lasciar raffreddare il pane su di una teglia affinchè perda l'umidità.


tagliarlo a fette


e gustarlo!!!!!!
noi l'abbiamo mangiato tutto in poche ore: prima a colazione, con burro e  una meravigliosa marmellata di sambuco e lamponi (fate un giro qui e vi verrà la bava alla bocca!!!!)




e poi a pranzo, con il nostro amato (e light!) pollo ai peperoni e semi di senape, già tagliato a pezzetti cosi non serve il coltello e.... tutti a mangiare sul divano per guardare la partita!!


la nanetta, naturalmente, "pollo sensa niente": per lei tutto deve essere senza niente, pizza senza farciture, biscotti senza gocce di cioccolato, torta senza marmellata, brioche senza ripieno, panna senza cacao, latte senza zucchero, pane senza semi, chiacchiere senza zucchero a velo...
messa bene anche lei a fisime, vero??!?

ciao pasticcioni, buon pomeriggio e fate i bravi, eh!!

10 commenti:

  1. ...non c'è nulla di meglio che il profumo del pane per mettere buonumore!
    Ti abbraccio e ti auguro buona domenica...
    P.s: partita della juveee????!!?!

    RispondiElimina
  2. Vorrei poter inondare tutti i giorni la casa con il profumo dle pane appena sfornato. Mi sono emozionata solo a vedere la tua bella pagnotta lievitata prima della cottura, sembra chiami una carezza. Non è che son tanto normale eh, ma mi ispira così! UN bacione, buona settimana

    P.S. la "nanetta" va all'essenza dei sapori :)

    RispondiElimina
  3. bravissima a farla lievitare così con la farina di riso!

    RispondiElimina
  4. Ciao! che bella pagnottina hai fatto e chissà come ricercato il sapore con queste farine bio!!
    le facce dei commensali ci sembrano soddisfattisisme!
    bacioni

    RispondiElimina
  5. ma che bel pane!! che aria calda ed invitante tira in casa tua!!
    nn ti preoccupare delle fisime la mia piccolina è una senza anche lei!!
    la marmellata di sambuco è buonissima io la faccio sempre!!
    baci

    RispondiElimina
  6. il pane fatto in casa non ha prezzo e in queste settimane che ho il forno rotto, non poterlo fare per me è veramente triste, ma mi rifarò magari iniziando dalla tua ricetta , ti è venuto proprio bene!

    RispondiElimina
  7. Ciao Monica, anche mia fighlia mangia tutto senza niente, persino il panino deve essere rigorosamente vuoto...mah!! Il tuo pane è davvero fantastico, questo si, buonissimo anche da solo!!!

    RispondiElimina
  8. Il profumo del pane appena fatto sa proprio di casa calda e accogliente. Anche a me piace un sacco e appena riesco lo f faccio. Ultimamente faccio il filo alla planetaria, chissà se prima o poi arriverà! Questa tua pagnotta è molto invitante e mangiata con pane burro e marmellata... che acquolina. Complimenti!

    RispondiElimina
  9. tesoro mioooo!! ma io pure ti vedo sempre su fb!!! la tua bimba è cresciuta tanto tanto..e ti somiglia...che capelli...bellissima!!! senti, ma sto pane...che brava...apperòè perfetto..
    ^_^!!! tu come stai? io sempre le solite cose...ti abbraccio forte..forteeee!!! grazie per il voto!!! un bacione monicuzza!!

    RispondiElimina
  10. Sembra davvero ottimo! Posso sostituire l'olio di riso con l'olio di semi di girasole? Credo sia più delicato dell'olio d'oliva, giusto? Grazie mille!

    RispondiElimina

sarò felice di trovare qui i vostri consigli, i pensieri e le opinioni. vi aspetto!!!!