venerdì 22 gennaio 2016

focaccia a lievitazione naturale con olio al basilico e pomodorini pachino


oggi mi tappo in casa e dedico la giornata alla cucina compulsiva: ragù e besciamella per le vecchie e golose lasagne (saranno anni che non preparo!), salsiccia al vapore con patate, passato di verdura (ops, pappa morbida!!) per la mia nanetta, e magari un bel dolcetto con la marmellata, da sbocconcellare con un tè caldo nei prossimi pomeriggi pigri e gelidi.
sono giornate splendide, il cielo è azzurro come fosse primavera, solo che ti si staccano le dita appena le togli dalle tasche del piumino.
la mattina è drammatica, il tragitto fra il piumone e i l bagno è apocalittico, non parliamo poi della pelle nuda che si appoggia sull'asse del water..... mi aspetto sempre un effetto lingua incollata sul ghiacciolo.
sapete mica se in internet vendono assi riscaldate? sarebbe un'ideona, io lo comprerei subito!
quindi vi lascio questa ricetta e un augurio per un fine settimana nel tepore della vostra casa, pieno di bei momenti e cose buone da mangiare.
poi probabilmente invece sarà dedicato agli stracci e spazzoloni, compiti e assi da stiro, lavaggio tende (no che non è stagione!) e chissà quali altri lavoracci fastidiosi.....

per una teglia diam. 30 cm

210 gr farina tipo 1
70 grammi manitoba 0
60 gr pasta madre rinfrescata
1 cucchiaino miele
3 + 3 cucchiai olio extra vergine di oliva al basilico marina colonna
120 ml circa acqua
7 gr circa sale
2/3 cucchiaio semola
12/15 pomodorini pachino
2 cucchiaini fior di sale

mettere le farine con la pasta madre spezzettata ed il miele nella ciotola della planetaria e accendere a velocità minima.
iniziare subito ad aggiungere acqua, poca alla volta, fino a che l'impasto diventa ben elastico..
aggiungere l'olio, un cucchiaio alla volta per tre, aspettando che l'impasto assorba bene ogni quantità, alla fine versare il sale e continuare a lavorare fino a che l'impasto è bello incordato e compatto.
lasciar riposare per un'oretta, fare un giro di pieghe, poi pirlare e lasciar lievitare nella ciotola coperta da pellicola, in un luogo fresco, fino al raddoppio (io l'ho lasciato tutta una notte).
stendere sulla teglia spolverata di semola e lasciar lievitare almeno 4/5 ore in luogo tiepido, sempre coperto da pellicola.
nel frattempo tagliare a metà i pomodorini lavati, schiacciarli con le dita per far uscire i semi e lasciarli in uno scolapasta, leggermente salati, per far perder loro tutta l'acqua.
quando l'impasto è pronto fare dei buchini con i polpastrelli, appoggiare i pomodorini a pancia in giù, versare i tre cucchiai di olio al basilico e spolverare con il fior di sale.

pentola in terracotta refrattaria domital
infornare a 200 gradi circa nella parte più bassa del forno per una ventina di minuti, poi portare la teglia più in altro per altri 10 minuti circa, fino a che la superficie viene dorata come piace a voi.


il risultato dell'esperimento di panificazione con questa pentola in terracotta refrattaria è stato: buona la prima! la focaccia non si è attaccata per niente, probabilmente non sarebbe servita nemmeno la semola, la cottura è stata uniforme e il risultato soffice e fragrante.
da rifare, magari provo a cuocerci la pizza!
e poi continuo a ripetere che so che i pani non si mangiano caldi, ma che io continuo a mangiarli perchè non resisto al profumo...... produco bava che neanche il mastino napoletano che avevo da ragazzina.



buon fine settimana con i pinguini, e parlate poco che vi si congela la lingua!

4 commenti:

  1. che bella, la farò...metterò al lavoro la mitica Gina quanto prima, ahahahah
    Baciotto e buon we!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai che poi non ti ferma più nessuno!!!!

      Elimina
  2. per me fine settimana al calduccio di casa, ma ho cucinato tanto, non solo per il pranzo della domenica avevo invitato anche la mia mamma per godersi tutti insieme i primi fritti carnevaleschi ma ho cucinato anche per lasciare organizzati i pranzi alla figlia per tutta la settimana. Questa focaccia mi piace un sacco te la rubo e la rifaccio!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. praticamente la cucina di una mensa aziendale!! ma tu sei brava.... io avrei dato fuoco a tutto!!!! ciao ali, un bacio!

      Elimina

sarò felice di trovare qui i vostri consigli, i pensieri e le opinioni. vi aspetto!!!!